Zuppi incontra il patriarca Kirill: importante che le Chiese lavorino per la pace

14


Il cardinale, inviato del Papa a Mosca, ricevuto dal patriarca ortodosso: “Apprezziamo che Sua Santità l’abbia inviata a Mosca”. Ribadito il ruolo delle religioni per la pace e la giustizia e l’unione di forze “per prevenire un grande conflitto armato”. In serata, il porporato ha celebrato una Messa nella Cattedrale dedicata alla Madre di Dio e ha incontrato la comunità cattolica

Salvatore Cernuzio – Città del Vaticano

Il lavoro comune delle Chiese “per servire la causa della pace e della giustizia” è stato al centro del colloquio tra il patriarca di Mosca e di tutta la Russia Kirilll e il cardinale Matteo Zuppi, inviato del Papa a Mosca per “allentare le tensioni” del conflitto in Ucraina. Nella sede del Patriarcato, oggi pomeriggio, seduti a un tavolo l’uno di fronte all’altro alla presenza di un traduttore, dei collaboratori del patriarca e del nunzio Giovanni D’Aniello, i due hanno discusso dell’importanza che “tutte le forze del mondo si uniscano per prevenire un grande conflitto armato”.

Parole simili a quelle condivise nella nota videochiamata di Kirill e Papa Francesco del 16 marzo 2022, neppure un mese dopo dal primo attacco a Kyiv, durante la quale il Pontefice ribadiva l’importanza di “unirsi” come pastori “nello sforzo di aiutare la pace” e anche che la Chiesa non usi “la lingua della politica, ma il linguaggio di Gesù”.

Kirill durante l'incontro con Zuppi

Kirill durante l’incontro con Zuppi

Apprezzamento per la missione 

Kirill, secondo quanto riportano le agenzie statali russe, ha salutato il cardinale dicendosi “contento” del suo arrivo a Mosca “accompagnato da fratelli che conosco bene”. “Apprezziamo che Sua Santità l’abbia inviata a Mosca. Lei è a capo di una delle più grandi metropoli, diocesi in Italia ed è un famoso arcivescovo, che sta portando avanti un importante servizio per la sua gente”, ha affermato il patriarca ortodosso.  

Quello di oggi pomeriggio è il primo incontro del patriarca ortodosso dall’inizio della guerra con un rappresentante del Papa, dopo essere sfumata l’ipotesi di un incontro tra lui e Francesco che facesse seguito a quello a Cuba del 2016, concluso con la firma di una dichiarazione congiunta. Il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, a margine di un evento a Roma mesi fa, affermava: “Siamo in un momento difficile, dobbiamo riconoscerlo. Ma questo, non significa che siamo al punto zero o che c’è un gelo tra la Chiesa ortodossa russa e quella cattolica. Canali esistono e tentativi per dialogare esistono”.  

La foto al termine dell'incontro nella sede del Patriarcato

La foto al termine dell’incontro nella sede del Patriarcato

Le visite di Antonij 

Da ricordare, in tal senso, la visita a Roma del metropolita Antonij di Volokolamsk, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca, presente anche all’incontro di oggi con Zuppi, alla destra di Kirill. Il 3 maggio scorso Antonij ha partecipato in Piazza San Pietro durante l’udienza generale e ha salutato il Papa, soffermandosi a parlare per qualche istante. Il giorno prima Antonij aveva incontrato l’arcivescovo Claudio Gugerotti, prefetto del Dicastero per le Chiese Orientali per discutere “una vasta gamma di questioni di reciproco interesse”. Il metropolita era poi tornato a metà giugno in Italia, dove aveva avuto un incontro con il fondatore della Comunità di Sant’Egidio, Andrea Riccardi.

La celebrazione nella Cattedrale della Madre di Dio

Dopo l’appuntamento al Patriarcato di Mosca – che ha segnato la seconda e ultima giornata di missione insieme a quello con Marija L’vova-Belova, commissaria del Cremlino per i Diritti dell’infanzia – Zuppi si è recato nella Cattedrale dedicata alla Madre di Dio, sede vescovile dell’arcidiocesi metropolitana della Madre di Dio a Mosca. Lì il porporato ha celebato una solenne concelebrazione e al termine ha incontrato la comunità cattolica, alla quale ha trasmesso “il saluto, la vicinanza e le preghiere del Santo Padre”, come riferiva il nunzio questa mattina. Domani 30 giugno, nel primo pomeriggio, il cardinale farà ritorno a Roma.

Il cardinale celebra nella Cattedrale dedicata alla Madre di Dio a Mosca

Il cardinale celebra nella Cattedrale dedicata alla Madre di Dio a Mosca

 



Da vaticannews.va

Questo sito se serve dei cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Non ci assumiamo nessuna responsabilità, sei libero di accettare o no. Accetta Leggi...

CHIESE FERIALI Pre-festiva Festiva

Gli orari possono subire variazioni in occasione di festività o eventi. (per conferma consultare il calendario)
Aggiornamento del 21-06-2022

  LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
 Chiesa Madre 19:00 19:00 19:00 - 19:00 19:30

08:00  11:00  19:00

 S. Giuseppe   Patriarca - - - 19:00 - - -
 S. Giuseppe da  Copertino 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30
 Santi Medici - - - - - 18:00 -
 Madonna della   Neve sospesa sospesa sospesa  sospesa sospesa  sospesa  sospesa