Vittime nelle nuove proteste in Myanmar

0 18


Almeno 18 persone sono state uccise a seguito delle violente repressioni delle prostente contro i militari, che hanno preso il potere con un golpe il 1 febbraio. Il cardinale Charles Maung Bo torna ad incoraggiare il dialogo tra le parti

Marco Guerra – Città del Vaticano

Domenica di sangue in Myanmar, dove la polizia ha aperto il fuoco sui manifestanti anti-golpe, uccidendo almeno 18 persone e ferendone circa altre 30. Sale così a diverse decine il numero delle vittime della repressione militare in Birmania dall’inizio delle proteste nel Paese seguite al colpo di Stato della giunta, il primo febbraio.

La condanna dell’Onu

“Condanniamo con forza l’escalation di violenza contro i manifestanti in Myanmar e chiediamo ai militari di fermare immediatamente l’uso della forza contro manifestanti pacifici”. E’ quanto si legge in una dichiarazione della portavoce dell’Ufficio Diritti Umani dell’Onu, Ravina Shamdasani, in cui si riporta che “sulla base di credibili informazioni ricevute, almeno 18 persone sono state uccise ed oltre 30 ferite”.

Secondo l’esponente delle Nazioni Unite in diverse località sono stati usati anche lacrimogeni e granate stordenti, aggiunge la portavoce dell’Onu che poi ha ribadito che “la popolazione del Myanmar ha il diritto di riunirsi pacificamente e  chiedere la restaurazione della democrazia: questi diritti dovrebbero essere rispettati da polizia e militari e non affrontati con la violenza e la sanguinosa repressione”.

Barricate nella capitale

I media locali riferisco di interventi della polizia per interrompere le manifestazioni in diverse città del Paese. Tuttavia centinaia di persone si sono rifiutate di lasciare le strade a Yangon. Molti hanno allestito barricate mentre altri hanno cantato slogan e canzoni di protesta.

L’impegno della Chiesa

“Il Myanmar è come un campo di battaglia. I cattolici pregano in pubblico”, ha scritto nelle scorse ore su Twitter il cardinale Charles Maung Bo, arcivescovo di Yangon, mostrando sul suo profilo anche le immagini di processioni in cui i cattolici pregano per la pace. In un tweet successivo il porporato ha scritto che i cattolici sono pronti a “incoraggiare e mediare un dialogo nuovo e tempestivo tra le diverse parti”.

Il colpo di Stato

Il Myanmar è nel caos da quando l’esercito, all’inizio di questo mese, ha preso il potere e ha arrestato la leader del governo eletta Aung San Suu Kyi e gran parte della leadership del suo partito, la Lega per la democrazia, che alle elezioni di novembre ha ottenuto l’83% dei voti. Il colpo di stato, che ha posto fine ai passi intrapresi verso la democrazia dopo quasi 50 anni di governo militare, ha portato centinaia di migliaia di persone a manifestare nelle strade e alla condanna dei Paesi occidentali.



Origine articolo

Questo sito se serve dei cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Non ci assumiamo nessuna responsabilità, sei libero di accettare o no. Accetta Leggi...

CHIESE FERIALI Pre-festiva Festiva
Gli orari possono subire variazioni in occasione di festività o eventi. (per conferma consultare il calendario)
  LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
 Chiesa Madre 19:00 19:00 19:00 19:00 19:00 19:00 8:00
11:00
19:00
 S. Giuseppe   Patriarca - - - - - - -
 S. Giuseppe da  Copertino 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30
 Santi Medici - - - - - 18:00 -
 Madonna della   Neve

Periodo
Estivo

Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo