Svezia, il Consiglio cristiano svedese condanna il rogo del Corano a Stoccolma

11


L’organismo svedese deplora quanto accaduto il 28 giugno scorso davanti alla moschea ed esprime solidarietà agli islamici. “È una deliberata violazione della fede e dell’identità musulmana e un attacco alle persone di fede”

Katarina Agorelius – Vatican News

Un uomo di 37 anni, il 28 giugno scorso, a Stoccolma, in Svezia, ha profanato e dato fuoco al Corano di fronte alla grande moschea all’inizio della celebrazione musulmana di tre giorni dell’Eid al-Adha in memoria del sacrificio di Abramo. Il gesto ha suscitato forti reazioni in tutto il mondo e a Baghdad è stata presa d’assalto l’ambasciata svedese. Salwan Sabah Metti Momika, cittadino svedese ma nato in Iraq, nei pressi di Mosul, è ora sospettato di odio etnico e razziale. Al quotidiano serale svedese Expressen ha affermato che non si è trattato di un crimine di odio o istigazione contro un gruppo di persone, ma contro un libro che, dice, invita alla violenza e all’omicidio.

Una deliberata violazione della fede musulmana

Subito dopo l’accaduto il presidium del Consiglio cristiano svedese ha pubblicato una dichiarazione condannando il gesto. “Come Chiese cristiane – si legge nel testo – difendiamo il diritto di ogni persona a praticare la propria fede indipendentemente dalla religione. L’incendio del Corano è una deliberata violazione della fede e dell’identità musulmana – prosegue la dichiarazione -, ma lo vediamo anche come un attacco a tutti noi persone di fede. Pertanto, vogliamo esprimere la nostra solidarietà ai credenti musulmani nel nostro Paese”.

Il presidium del Consiglio cristiano svedese è composto dal cardinale Anders Arborelius, vescovo della diocesi di Stoccolma; Martin Modéus, arcivescovo della Chiesa di Svezia (luterana); Lasse Svensson, leader della Equmeniakyrkan (movimenti luterani); Benjamin Dioscoros Atas, arcivescovo della Chiesa siro-ortodossa; e Sofia Camnerin, segretario generale del Consiglio Cristiano di Svezia.

Il premier svedese: dovremmo rinsavire

Anche il premier svedese Ulf Kristersson, in una conferenza stampa, ha condannato il gesto. “Penso che dovremmo rinsavire in Svezia. Siamo in una grave situazione politica di sicurezza e non c’è motivo di offendere altre persone”. Manifestazioni contro il Corano si verificano in Svezia dal 2020, a gennaio di quest’anno roghi del testo sacro dell’islam di fronte all’ambasciata turca hanno provocato forti reazioni internazionali e, in procinto di entrare nella Nato, la Svezia è bloccata dalla Turchia. L’autorizzazione dell’ultima manifestazione è stata data dopo una sentenza della Corte d’Appello secondo la quale era la polizia non può negare raduni per il rischio di attentati.



Da vaticannews.va

Questo sito se serve dei cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Non ci assumiamo nessuna responsabilità, sei libero di accettare o no. Accetta Leggi...

CHIESE FERIALI Pre-festiva Festiva

Gli orari possono subire variazioni in occasione di festività o eventi. (per conferma consultare il calendario)
Aggiornamento del 21-06-2022

  LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
 Chiesa Madre 19:00 19:00 19:00 - 19:00 19:30

08:00  11:00  19:00

 S. Giuseppe   Patriarca - - - 19:00 - - -
 S. Giuseppe da  Copertino 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30
 Santi Medici - - - - - 18:00 -
 Madonna della   Neve sospesa sospesa sospesa  sospesa sospesa  sospesa  sospesa