Parrocchia San Michele Arcangelo

Solenni Quarantore 2020

CHIESA MADRE

771

“SOLENNI QUARANTORE “ 

CHIESA MADRE

Programma 23-24-25 febbraio 2020

 

23 febbraio:

ore 08,00 Santa Messa
ore   11,00  Santa Messa e Esposizione del Santissimo Sacramento
ore  17,00  Ora di Adorazione comunitaria e Benedizione Eucaristica, alla quale sono tenute a partecipare tutte le Associazioni con il proprio scapolare. 
ore  18,00 Santa Messa

24 febbraio:

ore 08,00 Santa Messa e Esposizione del Santissimo Sacramento
ore  17,00 Ora di Adorazione comunitaria e Benedizione Eucaristica.
ore  18,00 Santa Messa

25 febbraio:

ore 08,00 Santa Messa e Esposizione del Santissimo Sacramento
ore  17,00 Ora di Adorazione comunitaria e Benedizione Eucaristica.
ore  18,00 Santa Messa

Le Sante Quarantore

Le Sante Quarantore sono un tempo di grazia.

L’origine remota delle Quarantore è da ritrovarsi nella pratica dei fedeli di commemorare, durante la settimana santa, le quaranta ore che il Corpo di Gesù giacque nel sepolcro; durante questo arco di tempo i fedeli rimanevano in preghiera e facevano penitenza per prepararsi degnamente alla grande solennità della Pasqua.

Le Sante Quarantore, una volta così diffuse e così solenni costituivano un tempo di rinnovamento spirituale e sociale, di preghiera e di penitenza, di comunione tra il clero e il popolo, tra ricchi e poveri, tra superiori e sudditi. La storia dice che, durante i giorni della solenne esposizione, le città cambiavano fisionomia: i negozi chiudevano; i lavori dei campi erano sospesi; le barriere sociali cadevano e la fede rifioriva nel cuore della gente che imparava a pregare e a meditare.
L’adorazione coinvolgeva tutte le categorie di persone che, giorno e notte, si avvicendavano in preghiera, spesso in modo inventivo e spontaneo, per quaranta ore davanti a Gesù Eucaristia. Per tre giorni si stabiliva quasi una tregua Dei perché «i violenti diventavano mansueti; i ladri restituivano il maltolto; i falsari diventavano onesti; i nemici si riconciliavano; la gioventù si innamorava di Dio e i sacerdoti non si allontanavano dall’altare e dai confessionali».  Oggi non è più così.

La simbologia del numero quaranta, nella tradizione delle Sacre Scritture, rappresenta un periodo di purificazione ed espiazione per condurre i fedeli al traguardo della salvezza. Quaranta è il numero della tribolazione e della prova, della penitenza e del digiuno, della preghiera e della punizione; quaranta giorni e quaranta notti durò il Diluvio Universale e Mosè sostò quaranta giorni sul Monte Sinai in attesa ricevere la Legge.
Molto più semplicemente è un tempo di libertà che possiamo prenderci per stare con noi stessi e con il Signore, riprendere in mano la nostra vita, confessare la nostra fede dinanzi all’Eucaristia.