Polonia, presentato un bilancio della risposta dalla Chiesa agli abusi sui minori

0

Un momento della conferenza
Foto: Episcopato polacco

Siamo impegnati in un sostegno sistematico per le persone ferite nella Chiesa. E’ quanto afferma l’arcivescovo Wojciech Polak, Primate di Polonia e delegato per la protezione dei bambini e dei giovani della Conferenza episcopale polacca.

Nella presentazione alla stampa del progetto “Aiutare i feriti nella Chiesa” l’arcivescovo ha parlato della Fondazione Saint Joseph, che sta iniziando i suoi lavori, corsi di formazione condotti in tutta la Polonia e il sostegno alle diocesi nell’elaborazione dei principi di prevenzione.

La conferenza è iniziata con la testimonianza del signor Tadeusz, che nella sua infanzia è stato vittima di abusi sessuali da parte di un prete. “Questa esperienza ha avuto un impatto enorme sulla mia vita mentale e spirituale e sulle mie relazioni familiari e professionali per 30 anni” – ha detto. Ha perdonato il prete che lo ha ferito. “Poiché ho rischiato la vita e sono tornato in Chiesa, Dio mi ha reso pronto per  il matrimonio. Oggi sono marito e padre ”- ha sottolineato l’uomo.

Il delegato per la protezione dei bambini e dei giovani, l’arcivescovo Polak ha sottolineato: “La testimonianza di Tadeusz è stata per noi un grido a non essere indifferenti. Stiamo cercando il modo migliore per rispondere a questo grido. Stiamo facendo di tutto per spezzare l’indifferenza ”.

L’arcivescovo Wojciech Polak ha riassunto lo stato attuale dell’assistenza alle vittime e ha presentato le attività che verranno intraprese dalla Chiesa nei prossimi mesi. All’inizio di quest’anno la Fondazione era iscritta nel registro del tribunale nazionale. “Vogliamo che la Fondazione Saint Joseph abbia un coordinatore in ciascuna diocesi che si rivolga con aiuto e sostegno a coloro che ne hanno bisogno là dove sono”.

Il Primate di Polonia ha anche parlato dell’iniziativa “Ferito nella Chiesa” che consiste principalmente in una linea di assistenza. I soggetti coinvolti nell’iniziativa non solo offrono consulenza, ma forniscono anche un aiuto concreto.

Il Child Protection Center sta facendo un ottimo lavoro. Padre Adam Żak e il suo team conducono corsi di formazione in tutta la Polonia. Sacerdoti, monaci, monache, catechisti, educatori e animatori vengono formati. Finora circa 1000 persone hanno già partecipato ai corsi di formazione. In ogni diocesi e provincia religiosa esiste un delegato designato per la protezione di bambini e giovani un responsabile per ricevere denunce di abusi sessuali su minori da parte di un chierico e di indicare assistenza psicologica, legale e pastorale ”.

L’arcivescovo Polak ha ricordato che nell’ottobre dello scorso anno, l’episcopato polacco ha modificato le “Linee guida” sulle indagini canoniche in caso di accuse clericali di abuso di minori.




Fonte: http://www.acistampa.com/

Questo sito se serve dei cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Non ci assumiamo nessuna responsabilità, sei libero di accettare o no. Accetta Leggi...

Privacy & Cookies Policy