Nord-Est del Congo: il caos nella ricca terra di nessuno

0 28


La regione nord-orientale della Repubblica Democratica del Congo, teatro dell’omicidio dell’ambasciatore italiano, Attanasio, del carabiniere di scorta, Iacovacci, e del loro autista, Milambo, è terra di forti contraddizioni. Alla ricchezza del sottosuolo, su cui c’è un vasto interesse, si oppone la povertà della popolazione in una regione nelle mani di decine di gruppi armati irregolari. Ne parliamo con padre Giulio Albanese, missionario comboniano

Giancarlo La Vella – Città del Vaticano

Il Nord-Est della Repubblica Democratica del Congo è una zona martoriata, un vero e proprio calvario. Sono le parole di padre Giulio Albanese, missionario comboniano, che, ai nostri microfoni, ricorda come nella sola zona di Butembo-Beni negli ultimi anni hanno perso la vita 4 mila civili. Nel Nord Kivu ci sono 160 formazioni armate, composte complessivamente da almeno 20 mila uomini. Si tratta, dunque, di veri e propri eserciti, l’un contro l’altro armati, e che mettono a ferro e fuoco tutta la regione. Dietro questa drammatica situazione ci sono i forti interessi per la gestione delle immense risorse minerarie di cui è ricco il Paese. Ma proprio questa ricchezza – sottolinea padre Albanese – rappresenta un fattore fortemente destabilizzante, perché suscita gli appetiti stranieri, ma si tratta di una ricchezza che non porta nulla di buono alle popolazioni locali, che vivono, in stragrande maggioranza, in estrema povertà.

Ascolta l’intervista a padre Giulio Albanese

Guardare al Congo in modo diverso

E’ auspicabile che le potenze che sfruttano le regioni congolesi facciano marcia indietro. Ma finora – denuncia Albanese – non ci sono stati passi significativi in questo senso. Forse, oggi per rilanciare il Congo c’è bisogno di un vero multilateralismo, che miri a creare un tessuto di riconciliazione e di pace. In caso contrario ci troveremo a fare i conti sempre di più con il fenomeno della mobilità umana. Si fugge dal malessere, dalle guerre e dalle violenze e questa è una reazione inevitabile.

La preziosa opera dei missionari

In questa drammatica situazione operano tra mille difficoltà, quelli che padre Giulio Albanese chiama ‘i caschi blu di Dio’: i missionari. La loro è una presenza pacifica che afferma il Vangelo della pace. Attraverso loro passa quella solidarietà fattiva che ogni cristiano dovrebbe testimoniare.



Origine articolo

Questo sito se serve dei cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Non ci assumiamo nessuna responsabilità, sei libero di accettare o no. Accetta Leggi...

CHIESE FERIALI Pre-festiva Festiva
Gli orari possono subire variazioni in occasione di festività o eventi. (per conferma consultare il calendario)
  LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
 Chiesa Madre 19:00 19:00 19:00 19:00 19:00 19:00 8:00
 S. Giuseppe   Patriarca - - - - - - -
 S. Giuseppe da  Copertino 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30
 Santi Medici - - - - - 18:00 -
 Madonna della   Neve

Periodo
Estivo

Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
20:00