Iraq, il parroco di Qaraqosh: la visita del Papa sarà una “medicina”

0 8


C’è attesa nella Chiesa dell’Immacolata Concezione della città irachena per l’arrivo di Francesco il prossimo 7 marzo, là dove la comunità cristiana si è ristabilita al termine della lunga occupazione dello Stato Islamico. Intanto a Erbil un attacco aereo colpisce la base internazionale e si percepisce chiaramente che la guerra è ancora una minaccia

Michele Raviart – Città del Vaticano

A Erbil, nel nord dell’Iraq la milizia sciita “Guardiani del Sangue” ha rivendicato il lancio di razzi che in nottata ha colpito la zona tra l’aeroporto e la base delle forze della coalizione internazionale, e ha causato la morte di un contractor civile e il ferimento di almeno 5 persone. Indignazione è stata espressa da neo segretario di Stato Usa Antony Blinken e dagli alleati di Washington. L’attacco arriva a poche settimane dal viaggio del Papa nel Paese. Il 7 marzo Francesco sarà a Qaraqosh, per incontrare la comunità cristiana nella Chiesa dell’Immacolata Concezione ricostruita dopo la distruzione da parte dello Stato Islamico. La città irachena si sta preparando a questa visita, spiega padre Georges Jahola, parroco tra gli organizzatori del viaggio:

Ascolta l’intervista a padre Jahola

R. – Ci stiamo preparando forse in modo molto semplice, come Papa Francesco è semplice nel suo rapporto con la gente, però con molta serietà. Proprio ieri avevamo l’incontro dei giovani che si stanno esercitando per accogliere il Papa con i canti e si stanno preparando spiritualmente per riceverlo. Stiamo anche preparando la Chiesa perché è stata distrutta e bruciata. Il restauro è stato avviato qualche mese fa e siamo nella fase finale dei lavori che riguardano anche all’interno.

Noi abbiamo seguito da sempre, da quando è ricominciata la guerra in Iraq, la sorte dei cristiani nel Paese. Che cosa significa avere il Papa tra voi, dopo tante perdite e tanto dolore causato dal jihadismo dello Stato Islamico?

R. –  Sicuramente la visita del Papa da noi è come fosse un rimedio per gli eventi che ci sono stati prima: dove c’era la violenza, oggi viene la pace, viene un’ autorità che parla sia all’ambiente politico sia a quello ecclesiale. E noi ne abbiamo bisogno. Quindi la venuta del Papa è per noi una specie di medicina: con lui qui riusciremo sicuramente a capire nel profondo il suo messaggio.

La Chiesa dell’Immacolata Concezione era stata distrutta dai jihadisti. In questo senso, che significato ha incontrare il Papa proprio all’interno di questo edificio sacro e ferito, e ritornare qui a celebrare?

R.- È segno della tenacia che abbiamo, e della tenacia della Chiesa in tutto il mondo. Sostenere una comunità che è colpita duramente, anche restaurando un edificio, è un segno molto importante e significativo perché sicuramente questa Chiesa è stata bruciata volutamente per dare un messaggio a questo popolo: “Non dovete stare qui”. Tornare con il Santo Padre qui significa molto e rafforza la nostra esistenza qui, significa tornare alle radici della nostra storia e della nostra fede, e ci dice che la Chiesa universale, rappresentata dal Santo Padre, è con noi.

In molte parti del vostro Paese c’è ancora la guerra, sono le notizie delle ultime ore. In generale a Qaraqosh qual è la situazione? La città e pacificata? Come si vive quotidianamente adesso?

R.- Da quando è stata liberata la città il 23 ottobre 2016 non ci sono stati segni di violenza e per questo siamo tornati nelle nostre case. Il clima è molto tranquillo e pacifico, perché noi come cristiani in città siamo in maggioranza e seminiamo quello che abbiamo, quindi le cose positive sono più di quelle negative.  Anche se la visita del Papa è per Qaraqosh, in cui la maggior parte dei fedeli sono siro- cattolici, invitiamo tutta la Piana di Ninive a partecipare a questo evento. Quindi i cristiani di tutti i villaggi, di tutte le chiese che esistono: ortodossi, cattolici, caldei… Tutti saranno qui invitati a partecipare e gioire con noi in questo momento.

 C’è il rischio che non si possa partecipare a questi incontri per la pandemia?

R. – Anche su questo stiamo lavorando. La gente vuole rispettare le regole sanitarie per diminuire il contagio e non lasciare che questa minaccia blocchi l’arrivo del Papa. Questo problema sicuramente noi lo teniamo molto presente.



Origine articolo

Questo sito se serve dei cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Non ci assumiamo nessuna responsabilità, sei libero di accettare o no. Accetta Leggi...

CHIESE FERIALI Pre-festiva Festiva
Gli orari possono subire variazioni in occasione di festività o eventi. (per conferma consultare il calendario)
  LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
 Chiesa Madre 18:00 18:00 18:00 18:00 18:00 18:00 8:00
11:00
18:00
 S. Giuseppe   Patriarca - - - - - - -
 S. Giuseppe da  Copertino 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30
 Santi Medici - - - - - 17:00 -
 Madonna della   Neve

Periodo
Estivo

Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo