Parrocchia San Michele Arcangelo

In Vaticano arrivano cinque nuove reclute della Guardia Svizzera pontificia

13

Le reclute il comandante nel cortile della Guardia, distanziati
Foto: GSP

Anche in Vaticano si riprende una certa normalità sempre nel rispetto massimo della sicurezza sanitaria, Dal primo giugno infatti 5 reclute hanno iniziato la scuola reclute. Uno di loro è il fratello minore di una guardia che ha prestato servizio nel Corpo dal 2015 al 2017, a conferma della tradizione che vede molte famiglie tramandarsi il servizio per il Papa.

Le reclute verranno istruite nell’arco di due mesi. Cognome Durante le prime settimane, conosceranno gli ambienti di servizio, frequenteranno i primi corsi d’italiano ed effettueranno le visite mediche. La formazione in Vaticano comporta inoltre l’acquisizione delle conoscenze delle persone e dei luoghi, con la formazione militare specifica per la Guardia. Data prevista per l’inizio del loro impiego è il primo luglio. In autunno si sposteranno, assieme alla scuola reclute del medesimo periodo, in Svizzera, sulla piazza d’armi di Isone, dove per quattro settimane verranno istruite alle tecniche di sicurezza e tattica presso la Polizia Cantonale del Canton Ticino.  Molte le materia da studiare, elementi di psicologia, elementi di diritto, formazione antincendio, tecniche di pronto soccorso, tiro e sicurezza personale, comportamento tattico e sport.

Al termine della formazione rientreranno in Vaticano e riprenderanno il loro servizio.

Ti potrebbe interessare

  • E’ un evento che si celebra da più di 500 anni, ma ogni anno l’emozione è nuova, perché i ragazzi sono nuovi, le famiglie sono…

  • Nove reclute per la Guardia svizzera Pontificia. 

  • “A causa della Pandemia del Coronavirus, il Giuramento della Guardia Svizzera Pontificia, che come tradizione doveva svolgersi il 6 maggio, è…




Fonte: http://www.acistampa.com/