Il Papa: i pregiudizi impediscono l’unità, amiamo l’umanità che più soffre

0 4


Ai Secondi Vespri che chiudono la 54.ma Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, il cardinale Koch presiede la celebrazione a san Paolo fuori le Mura in sostituzione del Papa, sofferente per la sciatalgia, e legge il suo invito ai cristiani: la preghiera e l’amore verso chi è più vulnerabile ci fa “riscoprire fratelli” al di là della comunione di appartenenza

Debora Donnini – Città del Vaticano  

In una realtà complessa come quella di oggi in cui tanti, “tirati da mille parti”, si sentono “frammentati dentro” e “incapaci di trovare un punto fermo”, Gesù “ci indica il segreto della stabilità nel rimanere in Lui”, come i tralci innestati nella vite da cui traggono la linfa per vivere. Da qui parte il cammino di ciascuno verso l’unità, sottolinea l’omelia del Papa letta dal cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, che nel pomeriggio, nella Basilica di San Paolo Fuori le Mura, ha celebrato i Vespri a conclusione della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, nella Solennità della Conversione di San Paolo. Per il ripresentarsi della sciatalgia, analogamente alla Messa di ieri, Francesco non ha potuto presiedere la cerimonia che ha visto insieme molti esponenti delle varie comunioni cristiane.

Come primo atto, assieme al cardinale Koch, due rappresentanti delle altre Chiese e Comunità ecclesiali – l’ortodosso Atanasie di Bogdania, vescovo vicario della Diocesi ortodossa romena d’Italia, e l’anglicano Sua Grazia Ian Ernest, arcivescovo direttore del Centro Anglicano di Roma e rappresentante della Comunione Anglicana presso la Santa Sede – scendono alla tomba dell’Apostolo delle genti, dove sostano per alcuni istanti in preghiera. La pandemia segna anche questa celebrazione come si vede dall’esigua presenza di fedeli, tutti muniti di mascherina. 

Tre livelli di unità

“Rimanete nel mio amore: produrrete molto frutto” (Gv 15, 5-9) è il tema su cui, dal 18 al 25 gennaio, le Chiese e le confessioni cristiane hanno riflettuto e che il Papa dipana nel suo discorso centrato sull’”indispensabile unità” che, nota, ha più livelli, come tre anelli concentrici di un tronco. Il primo, “quello più interno è rimanere in Gesù” da cui scaturisce “la nostra integrità personale”, il secondo riguarda l’unità con i cristiani, con l’invito a mettere in secondo piano “gli ostacoli di un tempo”, e il terzo, il più ampio, con l’umanità intera. Un forte anelito in questo senso si sprigiona dall’auspicio del Papa:

Rimaniamo uniti in Cristo: lo Spirito Santo, effuso nei nostri cuori, ci faccia sentire figli del Padre, fratelli e sorelle tra di noi, fratelli e sorelle nell’unica famiglia umana. La Santissima Trinità, comunione d’amore, ci faccia crescere nell’unità.

La preghiera e l’adorazione, concretamente, costituiscono “l’essenziale del rimanere in Lui” mettendo ciò che popola il nostro cuore, gioie e paure, nel cuore del Signore.

Crescere nell’amore 

Come “vasi comunicanti”, il bene e il male fatto da ciascuno si riversa sugli altri, si ricorda ancora nell’omelia, facendo riferimento a quell’unità con i cristiani che costituisce il secondo cerchio. Il Papa nota che nella vita spirituale vige una sorta di “legge della dinamica” per cui “nella misura in cui rimaniamo in Dio ci avviciniamo agli altri e nella misura in cui ci avviciniamo agli altri rimaniamo in Dio”.

La preghiera non può che portare all’amore, altrimenti è fatuo ritualismo. Non è infatti possibile incontrare Gesù senza il suo Corpo, composto di molte membra, tante quanti sono i battezzati. Se la nostra adorazione è genuina, cresceremo nell’amore per tutti coloro che seguono Gesù, indipendentemente dalla comunione cristiana a cui appartengono, perché, anche se non sono “dei nostri”, sono suoi.

 

Tagliare pregiudizi e attaccamenti

Amare i fratelli però non è facile e per questo si spiega, richiamandosi al Vangelo di Giovanni, perché il Padre taglia e pota: per amare “abbiamo bisogno di essere spogliati di quanto ci porta fuori strada e ci fa ricurvare su noi stessi, impedendoci di portare frutto”.

Chiediamo dunque al Padre di recidere da noi i pregiudizi sugli altri e gli attaccamenti mondani che impediscono l’unità piena con tutti i suoi figli. Così purificati nell’amore, sapremo mettere in secondo piano gli intralci terreni e gli ostacoli di un tempo, che oggi ci distraggono dal Vangelo.

Nell’amore disinteressato il Vangelo porta frutto

Ci si concentra anche sull’azione dello Spirito Santo che ovunque vuole ricondurre all’unità, portandoci a perdonare i nemici e i torti subiti, a essere “creativi nell’amore”:

Ci ricorda che il prossimo non è solo chi condivide i nostri valori e le nostre idee, ma che noi siamo chiamati a farci prossimi di tutti, buoni Samaritani di un’umanità vulnerabile, povera e sofferente – oggi tanto sofferente –, che giace per le strade del mondo e che Dio desidera risollevare con compassione. Lo Spirito Santo, autore della grazia, ci aiuti a vivere nella gratuità, ad amare anche chi non ci ricambia, perché è nell’amore puro e disinteressato che il Vangelo porta frutto. Dai frutti si riconosce l’albero: dall’amore gratuito si riconosce se apparteniamo alla vite di Gesù.

Servendo insieme i poveri, ci si riscopre fratelli

Il Papa rimarca, quindi, come lo Spirito Santo, “artefice del cammino ecumenico”, insegni “la concretezza dell’amore” verso tutti i fratelli con cui condividiamo la stessa umanità: “quell’umanità che Cristo ha unito a sé in modo inscindibile, dicendoci che lo troveremo sempre nei più poveri”. “Servendoli insieme – ricorda – ci riscopriremo fratelli e cresceremo nell’unità”. L’esortazione riguarda anche il prendersi cura della casa comune facendo “scelte audaci” sul modo in cui consumiamo. No dunque allo sfruttamento e allo spreco – indegno – di risorse preziose di cui tanti sono privi.

Riguardo poi alla preghiera di questa sera, mentre si fa esperienza dell’unità che nasce dal rivolgerci a Dio con una sola voce, dalle parole di Francesco scaturisce il ringraziamento per tutti coloro che in questa settimana hanno pregato per l’unità dei cristiani. Così il Papa rivolge i suoi saluti ai rappresentanti delle Chiese e Comunità ecclesiali convenuti: “ai giovani ortodossi e ortodossi orientali che studiano a Roma con il sostegno del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani; ai professori e agli studenti dell’Ecumenical Institute of Bossey, che sarebbero dovuti venire a Roma, come negli anni precedenti, ma non hanno potuto a causa della pandemia e ci seguono attraverso i media”.

Un’invocazione di unità, quella di oggi, così significativa in un’epoca in cui l’interconnessione ha mostrato, anche a causa della pandemia, tutta la sua portata.



Origine articolo

Questo sito se serve dei cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Non ci assumiamo nessuna responsabilità, sei libero di accettare o no. Accetta Leggi...

CHIESE FERIALI Pre-festiva Festiva
Gli orari possono subire variazioni in occasione di festività o eventi. (per conferma consultare il calendario)
  LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
 Chiesa Madre 18:00 18:00 18:00 18:00 18:00 18:00 8:00
11:00
18:00
 S. Giuseppe   Patriarca - - - - - - -
 S. Giuseppe da  Copertino 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30
 Santi Medici - - - - - 17:00 -
 Madonna della   Neve

Periodo
Estivo

Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo