Il Papa: ascoltiamo la parola autorevole di Gesù, portando un Vangelo sempre con noi

0 8


E’ l’invito di Francesco, prima dell’Angelus di questa domenica, commentando l’episodio della guarigione dell’indemoniato di Cafarnao. Chiediamo anche a Gesù, “la guarigione dei nostri peccati”, dei nostri mali e delle “malattie spirituali”

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

Ascoltiamo “la parola autorevole di Gesù”, portando sempre “in tasca o nella borsa un piccolo Vangelo, per leggerlo durante la giornata” e chiediamo a Gesù la guarigione dei nostri peccati, mali e malattie spirituali.  È l’invito che Papa Francesco rivolge ai fedeli nel commentare, prima della preghiera dell’Angelus di questa quarta domenica del tempo ordinario, il brano del Vangelo di Marco, proposto dalla liturgia, che narra la guarigione dell’indemoniato di Cafarnao.

Ascolta il servizio con la voce del Papa

Nella sinagoga, tutti meravigliati dal modo di parlare di Gesù

Si tratta del primo dei sette miracoli di Gesù compiuti di sabato, “giorno dedicato al riposo e alla preghiera” ricorda il Papa, parlando dalla Biblioteca del Palazzo apostolico attraverso i mass media per evitare assembramenti in Piazza San Pietro. Nella sinagoga di Cafarnao, Gesù legge e commenta le Scritture e “i presenti sono attirati” e meravigliati “dal suo modo di parlare” perché “dimostra un’autorità diversa da quella degli scribi”. Infine, quando un uomo “gli si rivolta contro interpellandolo come l’Inviato di Dio, Lui riconosce lo spirito maligno, gli ordina di uscire da quell’uomo e così lo scaccia”.

La predicazione e l’opera di guaritore

Francesco sottolinea che questi sono “i due elementi caratteristici dell’azione di Gesù: la predicazione e l’opera taumaturgica di guaritore”,che l’evangelista Marco presenta come “conferma dell’autorità di Gesù e del suo insegnamento”. Infatti, ricorda il Pontefice, “egli predica con autorità propria, come chi possiede una dottrina che trae da sé, e non come gli scribi che ripetevano tradizioni precedenti e leggi tramandate”.

Ripetevano parole, parole, parole, soltanto parole – come cantava la grande Mina – Erano così, soltanto parole. Invece in Gesù, la parola ha autorità, Gesù è autorevole. E questo tocca il cuore.  

L’insegnamento di Gesù, infatti “ha la stessa autorità di Dio che parla”. E, con un solo comando, “libera facilmente l’ossesso dal maligno e lo guarisce”. Perchè, spiega Papa Francesco, “la sua parola opera ciò che dice, perché Egli è il profeta definitivo”. E’ Mosé che lo annuncia, e Gesù parla con l’autorità divina, di “Figlio di Dio che ci salva, ci guarisce tutti”.

Una parola che sconfigge il male, nell’uomo e nel mondo

La guarigione dell’indemoniato poi, per il Papa “mostra che la predicazione di Cristo è rivolta a sconfiggere il male presente nell’uomo e nel mondo”:

La sua parola punta direttamente contro il regno di Satana, lo mette in crisi e lo fa indietreggiare, lo obbliga ad uscire dal mondo. Quell’ossesso, raggiunto dal comando del Signore, viene liberato e trasformato in una nuova persona.

Gesù e Satana: uno l’opposto dell’altro

Inoltre, prosegue il Papa, la predicazione di Gesù ha “una logica opposta a quella del mondo e del maligno: le sue parole si rivelano come lo sconvolgimento di un ordine sbagliato di cose”. Infatti, quello che il demonio presente nell’ossesso grida all’avvicinarsi di Cristo – “Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci?” – indica per Francesco “la totale estraneità tra Gesù e Satana”. Tra loro non c’è nulla in comune, “sono l’uno l’opposto dell’altro”. Gesù è il profeta che libera, che attira la gente con la sua autorevolezza, “il profeta promesso che è il Figlio di Dio che guarisce”.

Ascoltiamo, noi, le parole di Gesù che sono autorevoli: sempre, non dimenticatevi! Portate in tasca o nella borsa un piccolo Vangelo, per leggerlo durante la giornata, per ascoltare quella parola autorevole di Gesù. E poi, tutti abbiamo dei problemi, tutti abbiamo peccati, tutti abbiamo delle malattie spirituali; chiedere a Gesù: “Gesù, tu sei il profeta, il Figlio di Dio, quello che è stato promesso per guarirci. Guariscimi!”. Chiedere a Gesù la guarigione, dei nostri peccati, dei nostri mali.

Maria, che tiene nel cuore le parole di Gesù

L’invocazione finale del Papa è rivolta alla Vergine Maria, che “ha custodito sempre nel suo cuore le parole e i gesti di Gesù, e lo ha seguito con totale disponibilità e fedeltà”, perché “aiuti anche noi ad ascoltarlo e seguirlo, per sperimentare nella nostra vita i segni della sua salvezza”. 



Origine articolo

Questo sito se serve dei cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Non ci assumiamo nessuna responsabilità, sei libero di accettare o no. Accetta Leggi...

CHIESE FERIALI Pre-festiva Festiva
Gli orari possono subire variazioni in occasione di festività o eventi. (per conferma consultare il calendario)
  LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
 Chiesa Madre 18:00 18:00 18:00 18:00 18:00 18:00 8:00
11:00
18:00
 S. Giuseppe   Patriarca - - - - - - -
 S. Giuseppe da  Copertino 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30
 Santi Medici - - - - - 17:00 -
 Madonna della   Neve

Periodo
Estivo

Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo