Hebdomada Papae, il Gr in latino dell’8 luglio

19



Le notizie vaticane in lingua latina, con traduzione in italiano, in onda ogni domenica alle ore 12.30. Nel sommario: il messaggio del Pontefice all’Angelus di domenica scorsa: “In ascolto degli altri con il sincero desiderio di comprendersi”; istituita in vista del Giubileo la Commissione dei Nuovi Martiri – Testimoni della fede; il video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio: “Mettere l’Eucaristia al centro della propria vita”

                                                              “HEBDÓMADA PAPAE”
                                            NOTÍTIAE VATICÁNAE LATÍNE RÉDDITAE
                            Die octávo mensis Iúlii anno bismillésimo vicésimo tértio

(TÍTULI)
In Angélica salutatióne, praetérito die domínico, haec nuntiávit Póntifex. “Álii ex ánimo audiéndi ut inter se intéllegant”. Idem pro pace precátur.
Novórum mártyrum, fídei téstium, Commíssio prae Iubilǽo constitúitur.
In núntio televisífico de precatióne mensis Iúlii, hortátur Póntifex ut “sacra Eucharístia própriae vitae príncipem óccupat locum”.

Salútem plúrimam ómnibus vobis auscultántibus núntios Latína lingua prolátos dicit Eugénius Murrali.

Ascolta il nostro radiogiornale in lingua latina

(NOTITIAE)
Prophéta ac mútuus audítus praecípuum óbtinent locum in Angélica Precatióne, die praetérito domínico. Ad Pontíficis mentem unusquísque “prophéticum donum póssidet communicándum”, cum álius álium récipit, contentiónes deléri solent. Refert Mónia Parente.

“Quot contentiónes vitári possunt ac solvi, cum quis álios auscúltat eósque ex corde intellégere vult!”: haec sunt Pontíficis verba, novus núntius mútuae receptiónis. “Qui récipit prophétam in nómine prophétae, mércedem prophétae accípiet” (Mt 10, 41): ex his Evangélii secundum Matthǽum verbis sumens inítium, Francíscus éxplicat “unumquémque nostrum esse […] prophétam. Étenim per Baptísmum prophetíae donum missionémque omnes recépimus”. Mónuit Póntifex ut a mágicis inanísque opinatiónibus de prophetía caveátur et auscultándi pondus extóllit: “Unusquísque nostrum ab áliis díscere debet”. Post Angélicam Precatiónem ad mundánas dimicatiónes convértitur cogitátio: “Hoc quoque aestátis témpore pro pace oráre ne gravémur, cumprímis pro Ucraínae pópulo, perquam vexáto. Réliqua bella ne obliviscámur, quae pro dolor saepe e memória elabúntur”.

Coetus quidam apud Dicastérium de Cáusis Sanctórum constitúitur ad índicem conficiéndum christianórum mártyrum in postréma sǽculi quarta parte. Quod Francíscus decrévit prae Iubilǽo anni bismillésimi vicésimi quinti. Refert Míchaël Raviart.

“In Ecclésia mártyres spei sunt testes quae ex fide in Christo óritur et ad veram caritátem íncitat”: haec sunt litterárum verba quibus “Commissiónem Novórum Mártyrum – Fídei Téstium” – constítuit Póntifex. Commíssio inquírere pergit, quod in Iubilǽo anni bismillésimi coeptum agi, ad Fídei Testes reperiéndos in hac prima sǽculi quarta parte, quodque ad in futúrum aevum producéndum. “Mártyres – éxplicat Francíscus – Ecclésiae vitam omni témpore sunt comitáti atque florent sicut ‘fructus matúri praestantésque in Dómini vínea’ hódie quoque … Mártyres plures sunt hoc témpore quam primis sǽculis: sunt nempe epíscopi, presbýteri, consecráti consecratǽque, láici ac famíliae qui in váriis terrárum orbis Natiónibus, per vitae donum, suprémam caritátis testificatiónem perhibuérunt”. Secúndum quod sǽpius definívit Francíscus “oecumenísmum sánguinis”, inquisítio omnes christiánas confessiónes contíngit et non modo cathólicos.

(NOTÍTIAE BREVIÓRES)
“Orémus ut cathólici Eucarístiae celebrándae praecípuum locum tríbuant, quae humánas necessitúdines commútat efficítque ut Deo ac Frátribus óbviam eátur”. Sic est locútus Francíscus Papa in núntio televisífico de precatióne mensis Iúlii, quem Rete Mundiále Precatiónis diffúdit.
Die tértio praetérito mensis Iúlii apud FAO, ut áiunt, in núntio quodam quem legit reveréndus dóminus Chica Arelliano, Sanctae Sedis observátor apud institutiónes Natiónum Unitárum quae cibórum securitátem curant, Póntifex de necessitáte eláte est locútus ut una simul ópera darétur ad ómnibus dignitátem tribuéndam, deficiénti alimónia declináta.

Satis dictum est, nova, próxima hebdómada nuntiábimus.

 

                                                           “HEBDÓMADA PAPAE”
                                         NOTÍTIAE VATICÁNAE LATÍNE RÉDDITAE
                                                                 8 luglio 2023

(TITOLI)
Il messaggio del Pontefice all’Angelus di domenica scorsa: “In ascolto degli altri con il sincero desiderio di comprendersi”. Il Papa prega poi per la pace.
Istituita in vista del Giubileo la “Commissione dei Nuovi Martiri – Testimoni della fede”.
Il video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio: “Mettere l’Eucaristia al centro della propria vita”.

Un cordiale benvenuto a tutti voi da Eugenio Murrali e bentornati all’ascolto del notiziario in lingua latina.

(SERVIZI)
Il profeta e l’ascolto reciproco al centro dell’Angelus di domenica scorsa. Per il Papa ciascuno “ha un dono profetico da condividere”, accogliersi a vicenda ci aiuta superare i conflitti. Il servizio di Monia Parente:

“Pensiamo a quanti conflitti si potrebbero evitare e risolvere così, mettendosi in ascolto degli altri con il sincero desiderio di comprendersi!”, riflette il Papa, lanciando un nuovo messaggio di accoglienza reciproca. “Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta”, a partire da questo versetto del Vangelo di Matteo, Francesco chiarisce che “profeta […] è ciascuno di noi: infatti, con il Battesimo tutti abbiamo ricevuto il dono e la missione della profezia”. Il Pontefice mette in guardia da visioni magiche e superstiziose sul tema della profezia e sottolinea l’importanza dell’ascolto: “Ciascuno di noi ha bisogno di imparare dagli altri”. Nel dopo Angelus il pensiero va ai conflitti del mondo: “Anche in questo periodo estivo non stanchiamoci di pregare per la pace, in modo speciale per il popolo ucraino, tanto provato. E non trascuriamo le altre guerre, purtroppo spesso dimenticate”.

Un gruppo di lavoro presso il Dicastero delle Cause dei Santi per creare un catalogo dei martiri cristiani dell’ultimo quarto di secolo. È la decisione di Francesco in vista del Giubileo del 2025. Il servizio di Michele Raviart:

“I martiri nella Chiesa sono testimoni della speranza che deriva dalla fede in Cristo e incita alla vera carità”, sono parole della Lettera con cui il Pontefice ha istituito la “Commissione dei Nuovi Martiri – Testimoni della Fede”. La Commissione continuerà la ricerca, già iniziata con il Giubileo del 2000, per individuare i testimoni della fede in questo primo quarto di secolo e per poi proseguire nel futuro. “I martiri – spiega Francesco – hanno accompagnato in ogni epoca la vita della Chiesa e fioriscono come ‘frutti maturi ed eccellenti della vigna del Signore’ anche oggi… I martiri sono più numerosi nel nostro tempo che nei primi secoli: sono vescovi, sacerdoti, consacrate e consacrati, laici e famiglie, che nei diversi Paesi del mondo, con il dono della loro vita, hanno offerto la suprema prova di carità”. Secondo quello che Francesco ha più volte definito “ecumenismo del sangue”, la ricerca è estesa a tutte le confessioni cristiane e non soltanto ai cattolici.

(NOTIZIE)
“Preghiamo perché i cattolici mettano al centro della vita la celebrazione dell’Eucaristia, che trasforma le relazioni umane e apre all’incontro con Dio e con i fratelli”. Così Papa Francesco nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio, diffuso dalla Rete Mondiale di Preghiera.

Il 3 luglio scorso, presso la FAO, in un messaggio letto da monsignor Chica Arellano, osservatore della Santa Sede presso le istituzioni delle Nazioni Unite che si occupano di sicurezza alimentare, il Pontefice ha sottolineato la necessità di uno sforzo coordinato per dare dignità umana a tutti superando la malnutrizione.

È tutto per questa edizione, alla prossima settimana.



Da vaticannews.va

Questo sito se serve dei cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Non ci assumiamo nessuna responsabilità, sei libero di accettare o no. Accetta Leggi...

CHIESE FERIALI Pre-festiva Festiva

Gli orari possono subire variazioni in occasione di festività o eventi. (per conferma consultare il calendario)
Aggiornamento del 21-06-2022

  LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
 Chiesa Madre 19:00 19:00 19:00 - 19:00 19:30

08:00  11:00  19:00

 S. Giuseppe   Patriarca - - - 19:00 - - -
 S. Giuseppe da  Copertino 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30
 Santi Medici - - - - - 18:00 -
 Madonna della   Neve sospesa sospesa sospesa  sospesa sospesa  sospesa  sospesa