Francesco incontra il padre del piccolo Alan

0 18


L’incontro, a Erbil, tra il Papa e il padre di Alan Kurdi, il bimbo siriano di etnia curda morto in un naufragio sulla costa turca nel settembre 2015 e la cui foto ha fatto il giro del mondo, scuotendo le coscienze di molti. Con lui persero la vita anche la mamma e il fratello

Andrea De Angelis – Città del Vaticano

L’abbraccio ad un padre il cui figlio oggi avrebbe avuto otto anni. Il Papa questa domenica – riferisce un comunicato della Sala Stampa vaticana – ha voluto incontrare nel corso del suo viaggio in Iraq, nello Stadio “Franso Hariri” a Erbil, Abdullah Kurdi, il padre del piccolo Alan, naufragato con il fratello e la madre sulle coste turche nel settembre 2015, mentre con la famiglia tentava di raggiungere l’Europa. “Il Papa – si legge nel testo – si è intrattenuto a lungo con lui e con l’aiuto dell’interprete ha potuto ascoltare il dolore del padre per la perdita della famiglia ed esprimere la profonda partecipazione sua e del Signore alla sofferenza dell’uomo. Il sig. Abdullah ha manifestato gratitudine al Papa per le parole di vicinanza alla sua tragedia e a quella di tutti quei migranti che cercano comprensione, pace e sicurezza lasciando il proprio paese a rischio della vita”.

Nella testa e nel cuore di tutti resta l’immagine di oltre un lustro fa, che ritrae un bambino di tre anni con una maglietta rossa e i pantaloncini blu, privo di vita, riverso su una spiaggia. Restituito dalle onde di un mare che gli ha strappato la speranza di un futuro migliore. Una foto drammatica, che alla fine dell’estate 2015 scuote le coscienze in ogni continente.

La storia

Alan e la sua famiglia, siriani di etnia curda, si trovavano a bordo di un piccolo gommone, che si capovolge poco dopo la partenza da Bodrum, in Turchia. Almeno venti le persone a bordo, intenzionate a raggiungere l’isola greca di Coo che dista circa 4 chilometri. È la notte del 2 settembre 2015. Il mattino seguente, le autorità turche ricevono la segnalazione di alcuni cadaveri a riva. A scoprire quello di Alan è un barista, in servizio presso un hotel nei pressi della spiaggia turca. È lui, insieme ad un altro uomo, a spostare i cadaveri sulla spiaggia, per evitare che siano allontanati dalle onde. Il giorno dopo il piccolo viene sepolto insieme alla mamma Rehana ed al fratello Galib, poco più grande di lui, anche loro vittime del naufragio. Una famiglia distrutta.

La fotografia

Il bambino è fotografato dalla fotoreporter turca Nilüfer Demir. Uno scatto che la zia di Alan, Tima Kurdi, commenta così: “C’è qualcosa in quell’immagine. Dio ha acceso la luce su di essa per svegliare il mondo”. La foto fa il giro del pianeta, arriva in tutte le case, apre uno squarcio sul dolore di tanti migranti. Nei mesi successivi, il corpo privo di vita di Alan, riverso sulla spiaggia, viene rappresentato da artisti di ogni continente per mantenerne vivo il ricordo.

Alan Kurdi, il piccolo migrante siriano di etnia curda trovato morto sulla spiaggia di Bodrum, in Turchia, nel settembre 2015 (disegno di Lukesure)

Alan Kurdi, il piccolo migrante siriano di etnia curda trovato morto sulla spiaggia di Bodrum, in Turchia, nel settembre 2015 (disegno di Lukesure)

Le parole di Francesco

Qualche giorno dopo, alla preghiera mariana dell’Angelus di domenica 6 settembre 2015, il Papa rivolge un accorato appello per l’accoglienza dei profughi:

Di fronte alla tragedia di decine di migliaia di profughi che fuggono dalla morte per la guerra e per la fame, e sono in cammino verso una speranza di vita, il Vangelo ci chiama, ci chiede di essere “prossimi”, dei più piccoli e abbandonati. A dare loro una speranza concreta. Non soltanto dire: “Coraggio, pazienza…”. La speranza cristiana è combattiva, con la tenacia di chi va verso una meta sicura. Pertanto, in prossimità del Giubileo della Misericordia, rivolgo un appello alle parrocchie, alle comunità religiose, ai monasteri e ai santuari di tutta Europa ad esprimere la concretezza del Vangelo e accogliere una famiglia di profughi. Un gesto concreto in preparazione all’Anno Santo della Misericordia. Ogni parrocchia, ogni comunità religiosa, ogni monastero, ogni santuario d’Europa ospiti una famiglia, incominciando dalla mia diocesi di Roma.

Il dono alla Fao 

Il 16 ottobre 2017, all’inizio della sua visita alla FAO a Roma, Papa Francesco si sofferma brevemente nell’atrio del palazzo dove è posta una scultura di marmo che raffigura proprio il piccolo Alan. La statua, dono del Santo Padre alla FAO, è un’opera in marmo bianco di Carrara dell’artista trentino Luigi Prevedel, che raffigura il bambino siriano privo di vita sulla spiaggia, con accanto un angelo scosso da un pianto straziante.



Origine articolo

Questo sito se serve dei cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Non ci assumiamo nessuna responsabilità, sei libero di accettare o no. Accetta Leggi...

CHIESE FERIALI Pre-festiva Festiva
Gli orari possono subire variazioni in occasione di festività o eventi. (per conferma consultare il calendario)
  LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
 Chiesa Madre 19:00 19:00 19:00 19:00 19:00 19:00 8:00
11:00
19:00
 S. Giuseppe   Patriarca - - - - - - -
 S. Giuseppe da  Copertino 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30
 Santi Medici - - - - - 18:00 -
 Madonna della   Neve

Periodo
Estivo

Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo
Periodo
Estivo