Don Vignandel: il martire non è un eroe, è uno che accetta di testimoniare

14


Il sacerdote friulano ricorda la vicenda di suor Maria De Coppi, la comboniana che rimase uccisa nell’attacco terroristico a Chipene, in Mozambico, la notte tra il 6 e 7 settembre 2022. Lui e un altro religioso riuscirono a salvarsi. Nel giorno in cui viene istituita, per volere del Papa, la Commissione Nuovi Martiri in vista del Giubileo 2025, don Loris sottolinea il senso e l’eredità di una vita spesa fino alla fine in ascolto delle fatiche della gente

Antonella Palermo – Città del Vaticano

Mozambico, settembre 2022. Don Loris era sicuro che sarebbe stato ucciso. Nel corso dell’irruzione armata pregava il rosario e lanciava sui social un messaggio con cui chiedeva perdono per ‘le mancanze’. Nel frattempo, i terroristi incendiavano la chiesa e la canonica. Lui e il suo compagno di missione, il portogruarese don Lorenzo Barro, si salvarono. Suor Maria De Coppi, no. 

Suor Maria, in ascolto del popolo, fino al martirio 

Nel giorno in cui Papa Francesco istituisce una Commissione per elaborare un catalogo di tutti coloro che hanno versato il loro sangue per confessare Cristo nell’ultimo quarto di secolo, raggiungiamo il friulano don Loris Vignandel, che un anno fa si trovava nel Paese africano dove, nella notte tra il 6 e 7 settembre, rimase vittima di un attentato terroristico suor Maria De Coppi, comboniana di origini venete, missionaria in Mozambico per sessant’anni. La religiosa prestava servizio a Nampula e in diversi decenni ha attraversato la fase della colonizzazione, della guerra, del terrorismo. La sua vita è stata un tutt’uno con le gioie e i dolori della popolazione. Fu uccisa con un colpo di pistola a Chipene. 

Ascolta l’intervista a don Loris Vignandel

Solo nel dono si riceve la propria vita

C’è il martirio cruento, quello che ha vissuto su questa terra suor Maria, ma c’è anche un altro tipo di martirio, quello della testimonianza quotidiana: dell’ascolto delle persone, del mettersi a disposizione delle fatiche delle famiglie. È l’altra faccia della medaglia di cui pure si è impregnata la vita di suor Maria che, sebbene non riuscisse più a leggere negli ultimi tempi perché non ci vedeva quasi più, non si risparmiava nel farsi prossima. Ascoltava per ore e ore, senza aspettarsi nulla. Perché l’importante è darsi. È l’eredità più bella della religiosa, per don Loris, convinto che “solo nel dono si riceve la propria vita”.

Nel dna di ciascuno c’è l’offerta della propria vita

“L’offerta della propria vita è qualcosa di essenziale nel dna degli uomini e delle donne di tutti i tempi”, osserva don Loris. “Ciascuno di noi si realizza nella misura in cui decide di consegnare la propria esistenza. Mi piace questa sottolineatura del Papa – confida – attento alla trasmissione non solo della fede ma anche della saggezza di tanti anziani che possono aiutare le nuove generazioni nella crescita dei propri valori e della propria coscienza”. Don Loris racconta di quando era in Mozambico dove, “più si andava verso il litorale, più si incontravano persone di fede musulmana. Devi interagire con persone che hanno una fede diversa, ma nel dna – osserva – ci sono gli stessi sogni, le stesse preoccupazioni, le stesse speranze che hanno a che fare con la vita dei tuoi familiari, dei tuoi vicini, delle persone a cui vuoi bene. Da questo punto di vista, pensando a suor Maria, ripenso alla disponibilità a servire l’uomo e la donna che ti siedono accanto”.

Il martirio del quotidiano

È la dimensione del martirio che si fonda sul credere in una fratellanza che va oltre ogni appartenenza. “È il discorso del seme che muore”, spiega. Solo con questa postura spirituale si riesce ad affrontare la paura al di là del luogo fisico dove ci si può trovare. Del resto, conclude, “anche in queste nostre terre c’è chi sperimenta il martirio perché decide di vivere cristianamente la propria fede e di insegnare che ciò è possibile per i propri figli; martire è anche chi cerca di arrivare alla fine del mese con dignità, martire è chi perde il lavoro e riesce ad affrontare con il sorride la vita”.

Don Loris in una foto di archivio nella missione a Chipene, Mozambico

Don Loris in una foto di archivio nella missione a Chipene, Mozambico



Da vaticannews.va

Questo sito se serve dei cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Non ci assumiamo nessuna responsabilità, sei libero di accettare o no. Accetta Leggi...

CHIESE FERIALI Pre-festiva Festiva

Gli orari possono subire variazioni in occasione di festività o eventi. (per conferma consultare il calendario)
Aggiornamento del 21-06-2022

  LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
 Chiesa Madre 19:00 19:00 19:00 - 19:00 19:30

08:00  11:00  19:00

 S. Giuseppe   Patriarca - - - 19:00 - - -
 S. Giuseppe da  Copertino 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30
 Santi Medici - - - - - 18:00 -
 Madonna della   Neve sospesa sospesa sospesa  sospesa sospesa  sospesa  sospesa