Covid-19: un anno di pandemia, un anno in prima linea

169


Nel marzo 2020 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) dichiarava lo stato di pandemia globale a causa della diffusione del coronavirus. Varie le fasi che sono state attraversate in dodici mesi e che hanno impegnato oltremodo le strutture sanitarie

Giancarlo La Vella – Città del Vaticano

Dall’incredulità alla drammatica certezza di essere potenzialmente a rischio di contagio, non per una semplice influenza, ma per un virus, il Covid-19, che in 12 mesi in tutto il mondo ha fatto registrare circa 118 milioni di casi, oltre 2 milioni e 600 mila decessi, ma anche 67 milioni di guarigioni, secondo i dati che riguardano 200 Paesi. 

A guidare la classifica sono gli Stati Uniti, con quasi 30 milioni di casi e oltre 529 mila morti. Un anno fa l’OMS, oltre ogni legittimo dubbio sul coronavirus, dichiarava la pandemia globale. Oggi, in piena seconda fase e forze alle soglie di un ulteriore aggravamento della situazione, oltre alle misure di prevenzione, è il vaccino la via d’uscita principale dalla pandemia. Nonostante le lentezze e la difficoltà nel procurarsi le dosi, bene o male, sia pure a macchia di leopardo, tutti i Paesi hanno iniziato a vaccinare. Dall’avvio della campagna, più di 326 milioni di dosi sono state somministrate: in testa Israele, ma anche Stati Uniti e Regno Unito sono a buon punto. Anche i Paesi più poveri e vulnerabili, soprattutto in Africa, grazie al programma Covax, promosso dall’OMS col supporto dell’Unicef, hanno cominciato le vaccinazioni.

Gestire l’emergenza in emergenza

In questo anno di pandemia inizialmente l’emergenza è ricaduta soprattutto sugli ospedali civili, che hanno fatto di tutto per fronteggiare l’aumento dei ricoveri, ampliando le terapie intensive e aumentando i turni di lavoro del personale medico in una corsa in cui nessuno si è risparmiato. E il settore sanitario ha purtroppo pagato un forte tributo di vite umane. Solo in Italia sono 332 i medici che hanno perso la vita, bilancio simile per gli infermieri. Agli operatori sanitari più di una volta è andata la gratitudine di Papa Francesco, che ha sottolineato “l’esempio di tanti nostri fratelli e sorelle che hanno messo a repentaglio la propria vita fino a perderla”. 

Inizia il secondo anno di pandemia

Mascherina, lavaggio mani, distanziamento sociale e, quando possibile, vaccino. Rimangono queste le misure, identificate come le più efficaci, per prevenire il coronavirus. In particolare è il vaccino l’arma preferenziale per fare fronte al contagio e soprattutto al rischio di una nuova ondata di infezioni. Di prodotti ormai ce ne sono diversi nel mondo: nomi fino a poco tempo fa sconosciuti ai più e ora diventati decisamente familiari. L’Unione Europea sta puntando su Pfizer-BioNTech (prodotto da una sinergia tra Stati Uniti e Germania), Moderna, AstraZeneca, Johnson&Johnson. Questi quelli sinora approvati o in via di approvazione da parte dell’Agenzia Europea del Farmaco. Israele, che è a buon punto nelle vaccinazioni, ha puntato sullo Pfizer. In America Latina Brasile è Argentina utilizzano rispettivamente il vaccino cinese Sinovac e quello russo Sputnik V. Anche Turchia, Emirati Arabi Uniti ed Egitto si sono rivolti alla produzione cinese. Globalmente l’obiettivo è raggiungere almeno l’80% della popolazione mondiale vaccinata. Solo così si potrà arrivare alla cosiddetta ‘immunità di gregge’. 



Origine articolo

Questo sito se serve dei cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Non ci assumiamo nessuna responsabilità, sei libero di accettare o no. Accetta Leggi...

CHIESE FERIALI Pre-festiva Festiva

Gli orari possono subire variazioni in occasione di festività o eventi. (per conferma consultare il calendario)
Aggiornamento del 21-06-2022

  LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
 Chiesa Madre 19:00 19:00 19:00 - 19:00 19:30

08:00  11:00  19:00

 S. Giuseppe   Patriarca - - - 19:00 - - -
 S. Giuseppe da  Copertino 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30
 Santi Medici - - - - - 18:00 -
 Madonna della   Neve sospesa sospesa sospesa  sospesa sospesa  sospesa  sospesa