Sito Ufficiale

#Cartadileuca2019, nel ricordo della visita del Papa e di Don Tonino Bello

2


#CartadiLeuca2019
Foto: camminidileuca.it

Si chiude domani 14 agosto a Santa Maria di Leuca ‘#Cartadileuca 2019 – Mediterraneo: Agorà dei popoli’, la quarta edizione del Meeting internazionale dei giovani per la pace nel mondo.

L’ appuntamento è promosso dal Parco culturale ecclesiale ‘Terre del Capo di Leuca – De finibus terrae’, promosso dalla diocesi di Ugento – Santa Maria di Leuca.

‘Carta di Leuca’ è un evento annuale al quale sono invitate centinaia di giovani di vari Paesi del Mediterraneo con culture, sensibilità e religioni diverse. Vengono proposte giornate di incontro, di confronto e – attraverso le ‘Tende della convivialità’ – di conoscenza reciproca.

‘Carta di Leuca’ è anche un appello, rivolto dai giovani ai potenti della Terra affinché si impegnino ad attuare azioni concrete di fraternità, di rispetto dei diritti umani, di cooperazione e di pace. C’ è anche ‘Verso un’ alba di pace’, marcia notturna silenziosa, interculturale e interreligiosa, che si snoda simbolicamente a lume di candela, dalla tomba di don Tonino Bello al santuario di Santa Maria di Leuca.

L’edizione di quest’ anno del meeting è iniziata sabato presso la tomba di don Tonino Bello al cimitero di Alessano.

Conferenze, feste conviviali e liturgie e stasera alle 23.30, sul sagrato del cimitero di Alessano, dopo il saluto di don Gianni De Robertis, direttore generale della Fondazione Migrantes, ci sarà lo spettacolo ‘Mediterraneo: agorà dei popoli’, curato dai giovani partecipanti a Carta di Leuca.

Gli stessi giovani saranno protagonisti della marcia notturna, che prenderà il via alle 2 di mattina di mercoledì 14 agosto e raggiungerà alle 6 S. Maria di Leuca. Alle 7 mons. Angiuli presiederà la s. messa sul sagrato del santuario. Al termine, dopo i saluti istituzionali, sarà proclamata ‘#Cartadileuca2019’.

“Carta di Leuca” è un laboratorio permanente, interculturale e interreligioso, dei giovani che vivono nelle diverse sponde del Mediterraneo e che si impegnano vicendevolmente nella costruzione di un futuro migliore, avendo a cuore la custodia del Creato, la centralità della Persona e la costruzione di percorsi di Convivialità.

Carta di Leuca si rivolge a tutti coloro che non si sono ancora rassegnati alla violenza, alla censura, all’autoritarismo e all’individualismo, nonché a tutte le donne e gli uomini di buona volontà che – come costruttori di Bellezza e di Pace – si assumano la responsabilità di aprire nuove vie di fraternità e nuovi cammini d’amicizia tra i popoli, attraverso piccoli gesti quotidiani e concreti.

Nel cuore dell’estate, Carta di Leuca diventa un meeting internazionale che – attraverso il coinvolgimento in esperienze di volontariato e di cammino lungo le antiche vie di storia, di cultura e di pellegrinaggio – si propone come grande occasione per sollecitare un maggiore impegno di tutti verso la Pace.

Il senso della Carta di Leuca è nella “convivialità delle differenze”: la profezia di don Tonino Bello che indica uno sviluppo umano basato sull’etica del volto e dello sguardo, capace di promuovere una fraternità concreta, come impegno verso l’altro.

Paradigmi di questo impegno sono la lotta alle povertà, il contrasto alle mafie e ad ogni forma di illegalità e di abuso, il rispetto dei diritti umani e civili E la libertà: la libertà di migrare e la libertà di restare.

 “Carta di Leuca” nasce nel 2016, sulla base dell’Enciclica “Laudato si’”.





Fonte: http://www.acistampa.com/