2.500 km on the road, 25 furgoni e 150 persone. Riparte il “popolo” che non “si rassegna alla guerra”

6


Riparte giovedì 30 marzo la quinta carovana della Rete italiana #StopTheWarNow. 150 volontari provenienti da tutta Italia e in rappresentanza di 175 associazioni e movimenti della società civile italiana, laici e religiosi. Raggiungeranno Odessa e Mykolaiv muovendosi con furgoni e mezzi propri, carichi di aiuti umanitari. All’ospedale pediatrico di Odessa, i volontari consegneranno alla presenza delle autorità e del direttore un grosso generatore elettrico di 200 kilowatt acquistato grazie al contributo “significativo” dell’arcidiocesi di Bologna e del cardinale Matteo Zuppi.

(Foto SIR)

Foto Sir

Almeno 2.500 chilometri on the road per raggiungere dall’Italia le città di Odessa e Mykolaiv, nella regione Sud dell’Ucraina. Passando per la Slovenia e l’Ungheria e passare la frontiera a Berehove. Riparte, giovedì 30 marzo, la quinta carovana della pace. Un gruppo di 150 persone provenienti da tutta Italia, da Lecce, Napoli, Roma, Milano, si è dato appuntamento la mattina presto a Padova, tutti a bordo di 25 furgoni, carichi di beni di prima necessità ed un messaggio di pace al mondo e di solidarietà e vicinanza alla popolazione afflitta da più di un anno dalla guerra. Sono rappresentanti di 175 associazioni e movimenti della società civile italiana, laici e religiosi ed aderiscono alla Rete Italiana #StopTheWarNow. L’obiettivo è raggiungere Odessa, Mykolaiv e Kherson muovendosi, un gruppo, a bordo di furgoni propri ed un altro (più esiguo) in aereo via Chisinau in Moldavia. I mezzi sono carichi di beni di ogni tipo, come pasta, olio, farina, alimenti per bambini. E consistente è il numero di generatori elettrici che verranno donati, su indicazione della Caritas-Spes Ucraina, in diversi punti del Paese.

(Foto SIR)

L’arrivo a Odessa è previsto per mezzogiorno di sabato 1 aprile. Il primo appuntamento è all’Ospedale pediatrico della città dove la carovana consegnerà alla presenza delle autorità e del direttore un grosso generatore elettrico di 200 kilowatt acquistato grazie al contributo “significativo” dell’Arcidiocesi di Bologna e del cardinale Matteo Zuppi. I volontari della carovana saranno impegnati a scaricare gli aiuti. Arriveranno anche in un villaggio vicino a Odessa dove gli abitanti hanno chiesto aiuto. “Sono tutti luoghi – dice Gianpiero Cofano della Comunità Papa Giovanni XXIII, coordinatore della carovana – in cui in questi mesi abbiamo creato relazioni di amicizia”. E’ nello “stile” tipico di #StopTheWarNow: generare un movimento di non violenza e pace nelle zone di conflitto e condividere con chi soffre le conseguenze della guerra.

Mykolaiv, Operazione Colomba (Foto Stefano Smirnov)

A Mykolaiv, il gruppo sarà ospite della comunità evangelica della città che ha messo a disposizione il suo centro di recupero per alcolisti, un edificio a tre piani, dove saranno accolti i volontari e dove dall’inizio della guerra in un rifugio al piano sotterraneo vivono una trentina di persone, famiglie, anziani e ragazzi che non sanno dove andare o hanno paura di tornare nelle loro case. Con loro ci sono – a turno e praticamente dall’inizio del conflitto – i volontari dell’Associazione Papa Giovanni XXIII coordinati da Alberto Capannini, uno dei fondatori dell’Operazione Colomba. “Mykolaiv – dice – è stata per otto mesi una città bombardata e assediata. Gli attacchi hanno preso di mira l’impianto idrico della città lasciando la popolazione senza acqua. Avevano sete”. Per questo, una delle prime iniziative è stata quella di portare sul posto dei dissalatori dove oggi, in diversi punti della città, gli abitanti vanno per caricarsi acqua pulita e potabile. Quando i responsabili del centro evangelico hanno visto arrivare i volontari italiani, hanno detto: “gli aiuti umanitari arrivano numerosi ma è la prima volta che qualcuno ce li porta personalmente”.

Mykolaiv, Operazione Colomba (Foto Stefano Smirnov)

Il 2 aprile è la Domenica delle Palme. Sui furgoni, i volontari hanno caricato anche dei ramoscelli di ulivo. Si celebrerà una messa, forse nella chiesa greco-cattolica di Mykolaiv. Spiega don Renato Sacco, consigliere nazionale di Pax Christi, che parteciperà personalmente alla carovana: “Questa volta la Carovana avrà un significato simbolico particolare, perché si svolgerà per i cattolici in occasione della Domenica delle Palme. L’inizio della Settimana Santa è un inno alla pace e alla fratellanza tra i popoli, che ci lega nella Pasqua ai cristiani di tutte le Chiese”. La tensione nella regione è alta. “L’ultimo bombardamento su Mykolaiv risale a circa due settimane fa”, racconta Campanini. “Ma il fronte dista da qui solo 40 chilometri e gli allarmi sono continui”. E’ partita in questi giorni una controffensiva a Mariupol, nel Donetsk, e a Melitopol, nella regione di Zaporizhzhia, per riprendersi le due città ucraine occupate dall’esercito russo. Si aspettano un nuovo attacco russo”. A Mykolaiv, i volontari italiani aiuteranno a distribuire alla popolazione locale un migliaio di pacchi pieni di beni di prima necessità. Poi la sera ci saranno un concerto e momento di festa. “Sarà un’occasione per riprenderci la città dall’orrore della guerra e restituirla ad una normalità”, dice Gianpiero Cofano. “Non ci rassegniamo alla guerra”, aggiunge. “A distanza di un anno dalla prima missione organizzata da #StopTheWarNow continuiamo a dirlo con la nostra presenza. I risultati di chi tenta una risoluzione del conflitto con l’uso delle armi sono sotto gli occhi di tutti, e nelle lacrime delle vittime. Estendiamo ora l’appello anche ai politici, perché aderiscano all’iniziativa e ci raggiungano con collegamenti online, per portare la loro vicinanza alle persone che incontreremo”.





Da agensir.it

Questo sito se serve dei cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Non ci assumiamo nessuna responsabilità, sei libero di accettare o no. Accetta Leggi...

CHIESE FERIALI Pre-festiva Festiva

Gli orari possono subire variazioni in occasione di festività o eventi. (per conferma consultare il calendario)
Aggiornamento del 21-06-2022

  LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM
 Chiesa Madre 19:00 19:00 19:00 - 19:00 19:30

08:00  11:00  19:00

 S. Giuseppe   Patriarca - - - 19:00 - - -
 S. Giuseppe da  Copertino 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30 08:30
 Santi Medici - - - - - 18:00 -
 Madonna della   Neve sospesa sospesa sospesa  sospesa sospesa  sospesa  sospesa